Istantanee dal Festival d’Avignon/9 (di fine, di scosse punk per le strade e di un’Italia sempre più desolante)

29 luglio 2013 § Lascia un commento

Ogni fine sembra essere paradigmatica, quasi a contenere in sé un universale che allarga lo sguardo. Questo si sente per le strade di Avignone, ora che il Festival è finito e che anche all’Off restano solo un paio di giorni. Le strade che si svuotano, i locali meno affollati, i manifesti degli spettacoli che vengono staccati, strappati da mani e vento o da spazzini che vogliono mettersi avanti sul lavoro, i volantini sparsi a terra e accumulati, irregolari. E mi stupisco dell’energia con cui le compagnie continuano a fare promozione agli spettacoli, a fermarti per strada sorridendo e recitando la formuletta che ormai esce automatica. Qualcuno si inventa soluzioni buffe per le ultime rappresentazioni, come l’uomo che è seduto su una finestra al primo piano di una casa su rue de la Carretterie e lascia penzolare, dalla cima di una sorta di canna da pesca, i volantini attaccati con una molletta, trovando i sorrisi di chi non sa se abboccare all’amo di questa pubblicità simpatica, inaspettata.

Ieri sono arrivati a trovarci LuisMi e Ibrahim da Madrid: sempre bello vederli e condividere tempo con loro, anche nell’attesa di un covoiturage che non arriva mai: oggi pomeriggio, terribile: a ogni chiamata per chiedere quando sarebbe arrivato, la risposta era la stessa “tra un’ora”. Risultato: tre ore e mezza di ritardo in partenza. Chissà a che ora arriveranno a Cannes.

Di questo primo nostro Festival restano tante sensazioni, tante immagini. E ricordo di quanto fosse difficile capire davvero i racconti invernali degli amici su come cambia la città e su come impazziscono i ritmi di vita: dovevamo viverlo per scoprire che è davvero così. I ritmi intensi del lavoro, il primo bicchiere condiviso della serata che si trasforma nel secondo e nel terzo, in discorsi che si incrociano, amici che si ritrovano e nuovi amici che si incontrano. Parole, sguardi, stanchezza ricacciata indietro perché è comunque bello condividere tutto questo, per quanto effimero, euforico, atmosfera alterata. E gli attori in scena, gli spettacoli, le emozioni e le suggestioni (ma anche la noia, certo) di chi lavora sull’umano e cerca di trasmetterlo. Qualcosa che è difficile capire da fuori, senza viverlo, e io ho avuto il vantaggio di lavorare proprio all’interno di questa enorme macchina. Ne è valsa la pena.

E ancora è di immagini e di istantanee: la camionetta della polizia che impedisce il passaggio del bus, fa manovra in retromarcia e falcia un paletto di metallo a difesa del marciapiede e nemmeno il poliziotto anziano, che dà le indicazioni per la manovra, se ne cura; il rumore dei bicchieri che si rompono nelle terrasses dei ristoranti e dei bar, una colonna sonora asincrona ma costante, percepita ovunque – e non solo sotto casa – (che genera una domanda inutile ma divertente: quanti bicchieri si saranno rotti, in città, durante il Festival?); i Crs che vengono a scroccare da bere al Cubanito verso mezzanotte, confermando (come se ce ne fosse ancora bisogno) che è un posto che non ci piace per nulla. Fortuna che a salvarci dalla sua musica stanotte è arrivato un temporale terribile e violento, bellissimo, che ha riempito le strade d’acqua e fatto saltare più volte l’illuminazione pubblica. Ma al Cubanito, sarà perché l’abbiamo sotto casa, sarà perché abusa oltre ogni limite dell’immagine del Che, attacchiamo anche un altro ricordo volante: Ibrahim e Mery entrano per improvvisare ballo e risate e, dopo nemmeno un minuto che sono sulla pista vuota, il proprietario arriva, i menu in mano e un perentorio “se volete ballare dovete consumare”. Pessimo. L’immagine del Che a difendere l’eccesso normativo della società dei consumi.

Negli ultimi giorni mi sono concesso solo uno spettacolo, bello, potente, punk: i Générik Vapeur, marsigliesi, con il loro Bivouac, azione di strada tra bidoni, fuochi e fumogeni, un camion (che sembrava uscito da Mad Max) con sopra i musicisti, caspi di insalata e bicchieri pieni di liquidi blu (come le facce di tutti i membri del gruppo), parata rumorosa e provocatoria finita a saltare come pazzi dietro al camion lungo le mura, traffico bloccato e poliziotti affaticati a gestire questa iniezione di rumore, energia e follia sulle strade avignonesi.

Lo vivo, lo sento addosso, mi piace. Niente di innovativo, è energia che si sprigiona e invade le strade, conquista (e impaurisce) il pubblico, lascia una traccia: disegna (il vivere) la città in modo diverso. Mi rendo conto che intorno a me, durante tutto il tempo della parata (un’ora o poco più, forse), sono circondato da persone con il telefonino in mano, sospeso davanti al viso o poco più su, che riprendono senza sosta. È un tema su cui sto lavorando in questi giorni (per cercare di costruire un progetto di dottorato) ma ancora una volta mi colpisce: siamo nell’epoca della perdita dell’esperienza, in cui nulla ormai è reale se non è moltiplicato, mediato, rifratto dagli schermi (di uno smartphone, di un tablet, di un pc o di una tv digitale). Ecco che allora si preferisce filmare malamente, instabili, senza qualità né montaggio, piuttosto che guardare con i propri occhi, come a dire: se non posso riprodurlo, mostrarlo non è esistito davvero. Possibilità in più o sottrazione di senso? Non lo so, ma sono sicuro che per adesso è ciò che mi spinge ad allontanarmi dall’immagine e dalla presenza – da Instagram ai social network. Mi è tornato in mente Notre Cam de Paris, video di Albert Figurt che descrive molto bene questi meccanismi. Eccolo.

La serata è continuata con amici e colleghi al bar del festival, chiusura riservata ai lavoratori, ultima serata possibile di un bar che tira mattina qui in città, rientriamo alle cinque e mezza, manchiamo l’alba per poco, per stanchezza, nonostante la voglia di prendere la bici e buttarsi sull’erba dell’Ile de la Barthelasse per sentire il sole che sorge sul Rodano. L’alba ce la prenderemo presto, ma partendo dal mattino. Intanto abbiamo trovato un covoiturage per rientrare in Italia il 14 agosto. E l’Italia, che rimane desolante a guardarla da lontano: i valsusini accusati di terrorismo ed eversione (ma cosa state cercando, ancora?!), Pd e Pdl compatti con gli avanzi di centro e i razzisti della Lega a votare, a Bologna, per ignorare i risultati del referendum sul finanziamento alle scuole private, i poliziotti responsabili della morte di Federico Aldrovandi che tornano in libertà. E mi fermo qui perché provo pena. Domani (o dopodomani) tutti parleranno della sentenza per l’imputato B. e intanto continueranno a dimenticarsi di quanto marcia sia la nostra democrazia (e di quanto B. sia solo la punta di un iceberg).

E in questo sentimento schizofrenico tra la serenità (qui, nonostante le difficoltà) e lo sconforto (là, nonostante l’appartenenza), la chiusura della partita iva in Italia e la preparazione dei documenti per avere finalmente la Carte Vitale in Francia sembrano indicare quasi con chiarezza la direzione per i prossimi mesi (e forse più).

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Istantanee dal Festival d’Avignon/9 (di fine, di scosse punk per le strade e di un’Italia sempre più desolante) su Emigriamo in bicicletta.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: